Durante i giorni della manifestazione, a Carrara sarà possibile visitare:

Palazzo Binelli Generazioni. professori ed ex studenti dell'Accademia di Belle Arti di Carrara

Via Verdi 7
www.fondazionecrcarrara.com
Nei giorni del festival dalle 17.00 alle 24.00

 

 

 

 

 

 

 

Asante Kenya & Street heart Galleria d'Arte Il Borgo

Piazza Duomo

Mostra Fotografica
Asante Kenya di Elena Zanelli e Street heart di Andrea Dazzi.

Dal 30 agosto all’8 settembre 2019.

Orari:
La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle ore 17:00 alle ore 20:00
Dal 5 all’ 8 settembre dalle ore 17:00 alle ore 24:00

 

 

Colori e visioni… impressioni sulla tela – estemporanea di pittura Galleria Duomo

Piazza Duomo

Visitabile negli orari del festival

Galleria Domo coorganizzatrice del simposio

 

 

 

 

Form Art Associazione Culturale Artemisia

Fondo Tenerani piazza Alberica, 12

Orari nei giorni del festival 18:00 – 22:00

Per info:
392 4500778
artemisiarte.ms@gmail.com

Nomi degli artisti partecipanti: Daniela Bertani, Daniela Spaggiari, Manlio Pontelli, Patrizia Pianini, Ilaria Bertagnini-Adrastea, Marcello Mark Nesti, Maria Grazia Darco, Tatiana Angelotti, Mario Cobàs, Lucie Zeni Van Dael, Donatella Gabrielli, Adele Natali, Chiara Olmi Rol, Silvana Federici, Caterina Collavoli, Gio Guerri, Antonio Giovanni Mellone.

Chi siamo: Associazione Culturale Artemisia costituita il 12 novembre 2014, a Marina di Carrara in via Nazzario Sauro n 35 con sigla (A.R.S) , ha come finalità principale quella di promuovere l’espressione artistica di tutti coloro che si avvicinano a questo linguaggio. L’Associazione ha per fini la qualificazione, il miglioramento professionale, sociale terapeutico ed artistico dei suoi soci nei campi della cultura, dello spettacolo, del turismo, dell’animazione, dell’artigianato, della comunicazione e dell’arte in generale; la realizzazione, la pratica e la valorizzazione delle iniziative e dei servizi della cultura, delle arti e dello spettacolo, nonché la diffusione e la promozione d’attività su tutto il territorio nazionale, compresi scambi e gemellaggi. Lo scopo e di proporre occasioni ed opportunità artistiche sia terapeutiche che espositive creando eventi interessanti e innovativi per legare l’arte al territorio e alla comunicazione online. Istituendo spazi per ragazzi e adulti in difficoltà. Diffondere e approfondire il criterio dell’espressione manuale – creativa in ogni sua forma, che coinvolga sia ragazzi sia persone adulte, per ampliare la conoscenza dell’arte, dell’antica tradizione di arti e mestieri. Arte e creatività del riciclo, impostando occasioni per chi ha scelto di lavorare con le proprie mani materiali naturali. L’associazione intende promuovere momenti di arte partecipata.

Gli Artisti del Borgo… Oltre il Battistero Spazio Micheli Pellegrini

Via S. Maria

Dal 30 Agosto all’8 settembre
Tutti i giorni dalle 17:00 alle 20:00
Nei giorni del festival la chiusura sarà posticipata alle 23:00

Collettiva a tema libero il cui unico vincolo è il formato stabilito nelle misure 40×50.

Galleria Duomo coorganizzatrice del simposio

 

 

Immagine dei luoghi. Trasformazione dell’identità del territorio Studio Ricci

Piazza Alberica, 7b

Dal 31 agosto al 30 settembre 2019
Orari: 10.30-12.30 | 17.00–23.00

Artista Enrico Amici

Inaugurazione 31 agosto dalle ore 19.00 alle ore 21.00

 

 

 

Luogo comune Spazio Ex Ospedale San Giacomo

Via Grazzano, 1

Venerdì 6 settembre 2019 – Ore 21.15
Presentato da Associazione Casa Betania
Di Antonio Bertusi
Percorso musicale Nicola Bellulovich

Ingresso gratuito

Info e prenotazioni:
sms o whatsapp: 334 5889974
mail: tracce.luogocomune@gmail.com

POSTI LIMITATI

One amazing form Galleria Valeria Lattanzi

Via Cavour, 6

Dal 31 agosto al 5 ottobre
martedì – sabato | 18:00 – 20:00
(anche su appuntamento)
Nei giorni del festival: 21:00 – 23:00

Cecilia Del Gatto, Irene Montini, Fabio Tasso

Inaugurazione venerdì 30 agosto ore 18:00

Per info:
338 9965819
info@galleriavalerialattanzi.it
http://www.galleriavalerialattanzi.it/

La nuova mostra collettiva proposta dalla Galleria Valeria Lattanzi “One amazing form” si inserisce nel Festival con_vivere di Carrara con un titolo che è quasi anagramma di “Formazione”, tema della rassegna di quest’anno. Il gioco di parole esorta la sorpresa e la creatività come risposte all’apprendimento automatico, intendendo creativo ciò che è immaginativo ma consapevole, frutto di esperienze di apprendimento e di crescita quotidiana. É formazione fantastica, sorprendente perché unica, personale, sono idee, punti di vista e di pensiero.
Essere predisposti allo stupore è un atteggiamento alla vita.

Irene Montini è autrice di immagini nel mondo professionale della moda, ma sono fotografie oniriche come visioni. Ci mostrano, tramite i soggetti rappresentati, aspetti della stratificata cultura visiva del nostro tempo.

Fabio Tasso, scultore e insegnante, privilegia invece l’idea del processo, inventa macchinari, agisce fra materia e spazio, pieno e vuoto. Le sue forme sembrano nascere solo dal procedimento ma, così facendo, acquistano un significato primario.

Cecilia Del Gatto, riflette sulla difficoltà di relazione fra individui nella complessità d’oggi e mette in scena un mondo dal “realismo magico”. Fotografa i suoi personaggi imprigionandoli con un filo colorato e li rende manichini incomunicabili fra loro.

Pathfinders Mostra collettiva

TorArt
Via Verdi 16/A

Da giovedì 29 agosto a domenica 15 settembre 2019
Orari mostra
30/31 Agosto e 1 Settembre: Venerdì | Sabato | Domenica: 15:00 – 20:00
Dal 5 all’8 Settembre: Giovedì | Venerdì | Sabato | Domenica: 17:00 – 24:00

Inaugurazione 29 Agosto 18:30

Paideia (pronuncia Pédia) (in greco antico: παιδεία, paidéia), che significa formazione o educazione, è il termine che nell’antica Grecia identificava il modello pedagogico in vigore ad Atene nel V secolo a.C., riferendosi non solo all’ istruzione scolastica dei fanciulli, ma anche al loro sviluppo etico e spirituale al fine di renderli cittadini perfetti e completi, una forma elevata di cultura in grado di guidare il loro inserimento armonico nella società. Il Laboratorio TorArt, che nasce nel cuore del bacino di estrazione del marmo nella rinomata zona di Fantiscritti a Carrara, si è composto e strutturato, nel corso degli anni, dando spazio, formando e specializzando gruppi di giovani ragazzi usciti dall’Accademia di Belle Arti in campi anche diversi o innovativi rispetto al loro corso di studi. Il Laboratorio nasce dall’idea di utilizzare i Robot per riuscire a scolpire il marmo attraverso il supporto di punte diamantate e programmi che possano gestire render tridimensionali di modelli creati dall’azienda o forniti dai clienti. L’utilizzo del robot è necessario per riuscire ad ampliare lo spettro di possibilità di realizzazione e, contemporaneamente, abbassare prezzi e tempistiche di lavorazione del progetto, affidandosi in fase di finitura alle tecniche più classiche della lavorazione di marmi e pietre dure. Gli otto ragazzi presenti in mostra, durante il loro periodo accademico, hanno appreso le metodologie classiche dalla formatura alla scultura, ma tutta la loro generazione si è trovata catapultata in un mondo del lavoro, quello della scultura contemporanea, che sta subendo enormi e radicali cambiamenti grazie soprattutto all’avvento della tecnologia 3D e al lavoro pionieristico di ricerca e sviluppo portato avanti dalle ditte come TorArt che operano in tutto il mondo. Come Leonardo da Vinci, che 500 anni fa ha gettato nel lago della ricerca un macigno così grande di studi, progetti e teorie talmente avveniristici che ancora a distanza di 5 secoli dalla sua morte possiamo vedere i cerchi propagarsi nell’acqua, così le persone che oggi credono nella ricerca, nello sviluppo e nella formazione delle nuove generazioni nelle nuove tecniche e tecnologie, stanno gettando le basi per quella che sarà la società del futuro. “L’unico limite dell’essere umano è la sua immaginazione.” Come diceva Jules Verne “Qualunque cosa un uomo può immaginare, altri uomini possono rendere reale.” oppure, citando il fisico Willie Gallon, “Tutto quello che gli uomini possono immaginare, può avvenire nella realtà”. Formarsi in un ambiente di ricerca e sviluppo rende l’uomo più consapevole e pronto al domani e all’innovazione che si fa sempre più veloce, generazione dopo generazione, giorno dopo giorno, quasi sfuggendo da sotto i piedi. Le persone che riescono, in queste fasi di passaggio, a combinare nella maniera più armonica quello che hanno imparato con quello che è possibile anche solo immaginare rispetto all’utilizzo delle nuove tecniche e tecnologie, sono i pionieri del nuovo millennio per tutte le generazioni che verranno. La mostra non darà solo spazio alla scultura in marmo ma sarà un compendio di diverse tecniche e tecnologie utilizzate per realizzare il lavoro.

In Mostra
Amedeo Desideri
Saverio Bonelli
Matilde Atzori
Mattia Dorici
Michele Basaldella
Violetta Palomo
Matteo Rusconi
Marta Fernandez

Museo Civico del Marmo Località Stadio - Carrara (MS)

museo-civico-marmo-228x171px

Viale XX Settembre 249 – Telefono e fax 0585 845746
museo.del.marmo@comune.carrara.ms.itwww.musei.carrara.ms.gov.it
Da martedì a domenica 10.00 – 18.00 (lunedì chiuso)
€ 5,00 intero singolo museo
€ 3,00 ridotto singolo museo
€ 10,00 biglietto cumulativo Museo Civico del Marmo, Centro Arti Plastiche e CARMI
€ 6,00 biglietto cumulativo ridotto Museo Civico del Marmo, Centro Arti Plastiche e CARMI
Ingresso ridotto: studenti, over 65, comitive composte da oltre 10 persone e eventuali convenzioni con soggetti privati che si approveranno successivamente
Ingresso gratuito: per i bambini sotto i 6 anni di età, gli accompagnatori di comitive e i membri ICOM, guide turistiche, giornalisti e per tutti i visitatori la prima domenica di ogni mese. E’ facoltà dell’Amministrazione prevedere giornate di apertura gratuita in occasione di particolari iniziative.

Ingresso gratuito nei giorni del festival

Il Museo è ospitato in uno stabile collocato al di fuori del centro storico lungo l’arteria principale di collegamento alla città, Viale XX Settembre, edificato negli anni 1962-1965 a firma di Dante Petrucci in base alla tesi di laurea di Ezio Bienaimé. Le collezioni del Museo sono suddivise nelle seguenti sezioni: Archeologia Romana; Storia del Territorio; Marmoteca; Archeologia Industriale; Applicazioni Tecniche; Spazio Multimediale.