Andrea Canevaro

lamberto-maffei200x200px

Professore emerito dell’Università di Bologna e studioso di prestigio internazionale, fin dagli anni settanta è impegnato sul fronte dell’inclusione sociale, con particolare attenzione all’ambito della disabilità e dell’handicap. È ritenuto il padre della pedagogia speciale in Italia, disciplina che lui stesso ha contribuito ad implementare e diffondere nel Paese. Nel febbraio 2008, subisce un’emorragia celebrale che compromette le funzioni relative all’equilibrio facendogli perdere il senso della percezione dello spazio e quindi la possibilità di muoversi con sicurezza e pieno controllo dei movimenti. Si tratta di un problema serio ma, come lui stesso sostiene ed esprime, è una forma di “disabilità” che lo avvicina ulteriormente alla realtà dell’handicap, ambito a cui ha dedicato i suoi studi ed energie per tutta la vita. Tra i suoi ultimi libri: Pedagogia speciale. La riduzione dell’handicap (Milano 1999); Le logiche del confine e del sentiero. Una pedagogia dell’inclusione(per tutti, disabili inclusi) (Trento 2006); Scuola inclusiva e mondo più giusto (Trento 2013); Nascere fragili. Processi educativi e pratiche di cura (Bologna 2015); Il ragazzo selvaggio. Handicap, identità, educazione (Bologna 2017); Lo strano imbroglio (Cinto Euganeo 2019).