Gustavo Zagrebelsky

È Presidente emerito della Corte Costituzionale della Repubblica Italiana e professore emerito di Diritto costituzionale presso l'Università di Torino. Membro dell'Accademia delle Scienze di Torino e dell'Accademia Nazionale dei Lincei, collabora con alcuni dei più importanti quotidiani italiani (la Repubblica e la Stampa) ed è Presidente onorario dell'associazione Libertà e Giustizia e Presidente della Biennale Democrazia. Tra i suoi libri: Imparare democrazia (Torino 2007); La legge e la sua giustizia (Bologna 2008); Contro l'etica della verità (Roma-Bari 2008); Intorno alla legge. Il diritto come dimensione del vivere comune (Torino 2009); Simboli al potere. Politica, fiducia, speranza (Torino 2012); Fondata sulla cultura. Arte, scienza e Costituzione (Torino 2014); Contro la dittatura del presente. Perché è necessario un discorso sui fini (Roma-Bari 2014); La maschera democratica dell'oligarchia (Roma-Bari 2014); Moscacieca (Roma-Bari 2015); Liberi servi. Il Grande Inquisitore e l'enigma del potere (Torino 2015); Loro diranno, noi diciamo. Vademecum sulle riforme istituzionali (Bari 2016); Senza adulti (Torino 2016); Il legno storto della giustizia (con G. Colombo, Milano 2017); Diritto allo specchio (Torino 2018); Mai più senza maestri (Bologna 2019).


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.